L’erba VOGLIO non cresce neanche nel giardino del re.
Il mago Babalù ci ha tramandato l’insegnamento che per essere educati e gentili con gli altri non dobbiamo usare io VOGLIO.


Io voglio ha preso un’accezione negativa, ma dobbiamo metterci in testa che noi stiamo parlando a noi stessi, non siamo maleducati nel pretendere dalla nostra vita quello che desideriamo.
Il VORREI è solamente una forma per mettere già un filtro, una scusa, un’ostacolo tra voi ed il vostro obiettivo.
Il passaggio deve essere semplice come bere un bicchier d’acqua:
1-La necessità: la sete
2-la consapevolezza: il desiderio di bere
3-L’azione: versarmi l’acqua e provare il piacere di bere
Agite, e appagate i vostri desideri.

 

Annunci